La storia Gacka

Gacka è una delle più antiche provincie croate. I suoi abitanti Gačani si menzionano all'inizio del 9° secolo, la prima volta nell'818, al momento della formazione del primo stato croato altomedievale. Borna è il primo sovrano croato che ha sottomesso la zona importante più ampia sotto la sua autorità. Nelle annotazioni franche latine lo chiamano dux Guduscanorum/Goduskanorum, cioè il leader di Gačani, e le Gačane natio Guduscanorum (popolo Gačani). Borna da Gacka ha ampliato la propria autorità su Dalmazia e Liburnia, e fu chiamato dall'allora secondo la superpotenza europea Franconia dux Guduscanorum, dux Dalmatiae atque Liburniae – principe di Gačani, Dalmazia e Liburnia. Si ritiene che l'ex spazio Gacka copriva un'area molto più ampia di quella attuale, vale a dire che si estendeva dal fiume Raša in Istria fino al fiume Una a est. Più tardi Gacka gradualmente si è limitata nello spazio corrente. A metà del 10° secolo imperatore bizantino, scrittore e filosofo Costantino Porfirogenito menziona contee croate, tra cui tre distinte: Gacka, Lika e Krbava - gestiti da governatore, tutti gli altri sono gestiti da principe. Con questo all'inizio del 10° secolo Gacka apparteneva alla prima nella storia nota come Banato della Croazia.


Il periodo preistorico

La Gacka fu abitata in epoca preistorica. La località più antica dell'area di Gacka di questo periodo si trova sul bordo meridionale a Pećina a Lešće. Tracce di ossa carbonizzate e ossa di animali selvatici rivelano la presenza di un uomo del Mesolitico - il passaggio dal periodo neolitico (10000 al 4000 prima del Cristo) su cui sono chiaramente visibili tracce di utensili di pietra. L'uomo era ancora un cacciatore di animali selvatici.

Habitat un può più giovane e le tracce troviamo proprio nel Brinj. Fino a poco tempo, la grotta Siničić, che si trova sulla strada da Brinj a Letinac, nascondeva i suoi segreti. Lì viveva il cacciatore paleolitico prima di 9500 a.C. (periodo del tardo Mesolitico), che sulle rocce lisce della grotta ha lasciato ancora le immagini, incise leptolitiche, non decifrate. Il gruppo degli incisi, simili a rune germaniche, probabilmente è un calendario lunare primitivo. Nella grotta sono stati trovati i resti di ceramiche. L'uomo era ancora un cacciatore che si abituava a una vita sedentaria.


Iapodi

Le tracce del Medio e Tardo Bronzo troviamo nella zona di Vrhovina. Nella grotta Bezdanjači sotto la collina Vatinovac, a soli due chilometri a ovest di Vrhovina verso Zalužnica, è scoperta necropoli che data dal 1400 a.C., che ha due parti; uno è il tempo della preistoria prima parte sotto del pozzo verticale destinato all'alloggiamento (dopo l'insediamento principale era sulla collina Vatinovac), e l'altra obliquamente messa, la maggior parte, come necropoli. Si tratta di una delle più grandi necropoli di caverna scoperte in Europa, con più di 250 scheletri. L'uomo aveva già allevato gli animali domestici (bovini, ovini, capre e cani) e cereali. Dai resti della cultura materiale è evidente che in questa regione ha vissuto un gruppo di persone che appartenevano alla popolazione proto-iliriche, precursori delle tribù illiriche successivamente formate.

Tribù illirica Iapodi si trova in tutta l'area di Gacka e oltre nella tarda età del bronzo nel 9° e 8° secolo a.C. La cultura Iapodica era molto ricca e vivace, e si differenzia in parte da altre culture delle tribù illiriche. I più preziosi reperti archeologici sono scavati sulle località della zona di Gacka. Iapodi per lo più hanno vissuto nelle loro fortezze che sono state costruite sulle cime delle basse colline tondeggianti (a Crkvina in Kompolje (Avendo), su Grande e Piccolo Vitlo a Prozor (Arupium), su Grande e Piccolo Obljaj est di Vrhovina, a Brinje si considera che si tratti di Monetiumu, a Drenova Klanac, Staro Selo (Vecchio Vilaggio) e Švici (solo in campo Gacka sono situate 23 di loro rovine). La cultura di lavorazione del rame e la produzione di gioielli molto ricchi (particolarmente sono notevoli i gioielli di ambra e vetro) ha visto la piena fioritura della prima età del Ferro (8 - 5° secolo a.C.). In ricchi giacimenti si distinguiamo particolarmente i capitelli e berretti di Iapodi, che etnologi considerano i precursori di odierni berretti da uomo, rossi con una frangia corta (alcuni lo chiamano il berretto di Lika o Gacka) tipo dinarico. Ma, i successivi eredi non hanno solo preso il berretto Iapodico, ma anche in altre parti i costumi nazionali maschili e femminili. Iapodi dalla zona dell'odierna Gacka avevano i legami culturali con gli Etruschi e i Greci, attraverso Pannonia e le culture del Mar Nero.


Il periodo romano

La vita tranquilla di Iapodi iniziano a interferire i Romani nel 2° secolo a.C. Quasi due secoli Iapodi combattevano con loro con variabile fortuna della guerra. Sono stati conquistati dall'imperatore romano Ottaviano 35 a.C.

Con l'arrivo dei Romani, l'area odierna di Gacka ottiene la sua importanza stradale. Con la costruzione della strada dall’Italia settentrionale alla Grecia, le autorità romane hanno adottato gradualmente nel corso di un lungo periodo i cambiamenti nella vita dei popoli indigeni. Come il loro villaggio centrale hanno costruito, ampliato e fortificato Arupium al Grande e Piccolo Vitlo a odierno Prozor. Secondo resti archeologici era un luogo significativo con edifici pubblici, templi pagani, con elevati e ordinati standard di vita (riscaldamento a pavimento). Arupium era un insediamento romano centrale nella zona di Gacka, Lika e Krbava da cui controllava le strade principali e l'incrocio per la Dalmazia e Pannonia. Attività di traffico porta a Gacka tanti soldati romani che portano con sé i culti romani. Nel 2° e 3° secolo, da Senia (Senj) si trasmette un culto diffuso del dio Mitra, il dio del Sole. Santuari di Mitra a Čović e Sinac, secondo la loro lavorazione artistica appartengono all'origine italiana, mentre ciò che è sul campo Špilničko est di Otočac è di origine pannonico-norica.


Alto Medioevo

Indebolendo il potere dell'impero romano, a Gacka hanno cominciato a penetrare nazioni barbare. Alla fine del 5° secolo arrivano i Goti. Nell'area della Croazia dalmata istituiscono un potere a breve termine. C'è chi sostiene che il nome della regione Gacka deriva dal nome del popolo di Goti, significherebbe staterello di Goti. Dopo i Goti, che in parte sono rimasti a vivere in queste zone si mescolavano con gli indigeni, nella metà del 6° secolo avanzano gli Slavi e alla fine del secolo Avari. Nel 7° secolo arrivano i Croati. Secondo fonti storici, sembra che in questa zona di Gacka con difficile clima e sollievo, le varie nazioni erano più tolleranti tra di loro e hanno trovato il modo di coesistere. Così Costantino Porfirogenito nella metà del 10° secolo, scrive che ci sono ancora Avari che si differiscono in aspetto da altri popoli e sembra che sono rimasti di più nella provincia di Gacka.

Con l'arrivo di Croati nella zona di Gacka e diffondendo il suo nome e l'influenza su altre nazioni, a tempo di grande potenza europea dei Franchi di quel tempo, si creano i primi nuclei dello Stato Croato medievale nella zona di Gacka. Principe Borna di Gacka ha ampliato la propria autorità sulla Dalmazia e Liburnia e creò il primo grande spazio di stato sotto il nome Croato. Alla fine del 9° e l'inizio del 10° secolo potere a Gacka ha il bano, così come nella vicina Krbava e Lika. Durante i re Croati, Gacka perde significato della zona centrale dello stato che si muove alla zona del nord e centrale di Dalmazia.

Gacka dal 13° al 16° secolo

Con l'arrivo dei re ungheresi al potere in Croazia, il re croato-ungherese Andrea II ha donato nel 1219 ai templari la provincia di Gacka. Poco dopo (1241), mongoli devastano Gacka. Can Batij con le sue orde ha sfondato oltre Kapela per catturare il re ungherese-croato Bela IV. I templari non hanno mantenuto in possesso a lungo Gacka. Re Bela nel 1269 li ha sequestrati in cambio per un'altra proprietà.

Alla fine del 13° secolo appaiono dei principi di Krk, in seguito i Frankopan (Frangepanes). Hanno ottenuto Gacka in suo possesso nel 1290 e l’hanno tenuta fino 1468, quando sono stati spazzati via dal re ungherese-croato Matijaš Korvin. In Gacka i Frankopan avevano le città fortificate: Otočac, Prozor, Vrhovine, Dabar, Brlog, Sokol e Jelovik ed eccetto che fortificavano e costruivano le città e le fortezze, costruivano le chiese, monasteri e persino contribuivano a sviluppare la cultura e l'alfabetizzazione. Il loro obiettivo principale era quello di Otočac e Brinje, dove hanno lasciato più traccia. Durante Sigismund (Sigismondo) Frankopan a Otočac nel 1460 si è stabilita diocesi di Otočac, che durò fino a 1534 o fino alle invasioni turche.

Già nel tardo 15° secolo, e senz'altro nel 16° secolo le incursioni dei Turchi (Ottomani) erano sempre di più feroci e pericolosi. Nel 1527 Krbava e Lika caddero sotto il loro dominio. Gacka e Otočac diventano zona di confine soggetta a frequenti attacchi turchi. Gacka, soprattutto l'area di Vrhovlje, un può meno la zona di Brinje, hanno il loro esodo nei primi anni del 16° secolo, quando la popolazione di massa emigra e fugge verso la Litorenea, Gorski Kotar, Kranj e la Croazia settentrionale, Ungheria e Austria. Rimangono abitati solo Otočac, Brinje e Prozor. Gacka è come parte del baluardo della Cristianità.

Per evitare l'invasione turca, il re ungherese Matijaš Korvin ha fondato nel 1469 la capitaneria di Senj, che dal 1538 appartenevano le fortezze:. Otočac, Prozor, Brlog, Brinje, Senj, Jablanac e Bag. Il 1578 è stata riorganizzata la difesa di Krajna e stabilita la Krajna Litoranea in cui Otočac e Brinje rimangono due cardinali fortificazioni secolari per difesa di Gacka. Fino la definitiva l'espulsione dei turchi da Krbava e Lika nel 1689 a Gacka si condussero numerose battaglie di successo. Conte Petar Zrinski con gli abitanti di Otočac nel 1655 ha sconfitto due volte i Turchi, nel 1657 gli abitanti di Otočac e Senj hanno sconfitto sul campo Gusić 6000 turchi, e nel 1663 Petar Zrinski e Fran Krsto Frankopan hanno vinto da roccia Juraj con i suoi 2000 soldati 8000 turchi e, infine hanno sventato le ulteriori incursioni turche nella profondità delle aree croate libere.

Subito dopo la cacciata dei turchi da Krbava e Lika, in ciò si è particolarmente distinto il prete di Brinj Marko Mesić, il confine militare ha subito una nuova riorganizzazione. L'intera area di Gacka è adesso gestita dall'amministrazione di Krajna a Karlovac. La scomparsa della minaccia turca nel tardo 17° secolo nell'area deserta di Gacka si popola in modo sistematico da immigrati da Gorski Kotar, Krajna, Litoranea e Dalmazia settentrionale. Dalla vecchia capitaneria di Otočac è stata costituita nel 1746 la gloriosa capitaneria di Otočac che comprendeva una zona dal mare fino a est al confine bosniaco, e durerà fino alla smobilitazione della frontiera militare nel tardo 19° secolo. Tuttavia, il sistema repressivo della frontiera militare e le più grandi caserme in tutta Europa, ha scatenato il malcontento e la ribellione degli abitanti di Brinj nel 1746. La rivolta fu schiacciata e i ribelli furono drasticamente puniti. Gli abitanti di Gacka durante il 18° secolo fino alla metà del 19° secolo, hanno partecipato non solo nelle guerre con i turchi difendendo l'impero austriaco, ma hanno dovuto lottare in tutta Europa per la necessità della corta viennese. In queste guerre, soprattutto nella repressione della rivoluzione ungherese nel 1848, si erano distinti per il loro coraggio e per questo hanno ottenuto onori imperiali di grande spicco. Con la smobilitazione del confine militare nel 1881 l'area di Gacka entra nel sistema civile croato accogliendo così la disintegrazione dell'Impero Austro-Ungarico nel 1918.

Gacka nel 20° secolo

Con lo scioglimento dell'impero austro-ungarico Gacka è per la prima volta nella comunità slava-meridionale. Nel 1939 è nelle province di Croazia. Otočac e Vrhovine appartenevano nel 1941 alla Grande parrocchia di Gacka e Lika, mentre Brinje era nella Grande parrocchia di Vinodol e Podgorje. Durante la seconda guerra mondiale a Otočac si è tenuta la sua prima sessione di ZAVNOH, il primo organo di rappresentanza partigiana croata di anti-fascisti. Con la fine della seconda guerra mondiale Otočac e Brinje sono divenute le sedi provinciali e Vrhovine comune.

Gli abitanti di Gacka nel 1991 hanno vissuto catarsi nella guerra con la Serbia e ribelli serbi locali. È stato occupato il terzo del territorio di Gacka del nord-est. Durante un attacco, Brinje, soprattutto Otočac e i villaggi circostanti hanno subito grande distruzione, e molte perdite umane. La nuova organizzazione amministrativa territoriale della Croazia, Otočac è nel 1993 ha avuto lo status di città, e Brinje e Vrhovine sono di nuovo comuni. La città Otočac, i comuni Brinje e Vrhovine si trovano in contea di Lika-Senj.


Stampa